CityLife Shopping District

Il centro commerciale più…cool di Milano? Appena inaugurato e subito preso d’assalto, soprattutto in questa settimana prima di Natale. Il consiglio è quindi quello di lasciar calmare le acque per andare a visitarlo! Un concept di centro commerciale nuovo che mancava a Milano, sulla falsa riga di quello di Arese, con i vari negozi divisi in zone e gallerie commerciali sia al chiuso sia scoperte.

Al 1 piano shopping (piu che altro abbigliamento) e al secondo la ristorazione.

Come prima cosa; come raggiungerlo e dove parcheggiare?

Si puo parcheggiare dentro la struttura. Quanto costa? I prezzi sono esposti al pubblico all’entrata (anche se io non li ho visti ancora). Domenica era eccezionalmente gratis per le prime due ore. Altrimenti è gratis se si fa un acquisto. Dopo aver fatto questo acquisto vieni rimbalzato all info point. Dov’è? C’e chi ci rimanda fuori, invece è all entrata dello shopping district. Vicino al guardaroba. E comodo anche con la metro che arriva direttamente a 1 passo dai negozi. 

Dal Carrefour market non sembra esserci modo di accedere al parchetto del centro di piazzale Arduino.

Un parere personale; a causa delle pareti che fanno rimbombare il suono , si esce con il mal di testa. Ma tralasciando malesseri personali, partiamo alla scoperta di questo innovativo centro commerciale!

Architettura e struttura spettacolare, i negozi in sé sono abbastanza particolari ma la vera particolarità sono i ristoranti, a cui è dedicato l’intero primo piano e che possono soddisfare tutti i palati.

 

Food – Ristoranti

Potete trovare ristoranti a qualsiasi piano del centro commerciale, sia all’estero (con anche un ristorante vegano) sia al primo piano con un bar che offre spuntini veloci, sia al piano superiore (piano interamente dedicato alla ristorazione) nel quale troverete di sicuro il posto che fa per voi. Dal fast food più cool come patatine da passeggio al gelato, alle olive ascolane e le piadine, fino ad arrivare ai ristoranti come Bomaki dove assaggiare il sushi con influenze brasiliane.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*